6.9 C
Bassano
28 Novembre 2021
Attualità Dal Nordest

A Vittorio Veneto il “Raduno del Centenario” dei paracadutisti d’Italia

VITTORIO VENETO. Nell’ambito delle celebrazioni per il 100° anniversario della fine
della 1^ Guerra Mondiale la Sezione di Vittorio Veneto dell’Associazione Paracadutisti d’Italia
organizza il 28° Raduno Nazionale, intitolato per l’occasione: “Raduno del Centenario”.

La manifestazione, che gode del contributo e del patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Vittorio Veneto e del patrocinio della Provincia di Treviso, si svolgerà nei giorni 28, 29 e 30 settembre.

I paracadutisti d’Italia celebreranno anche l’impresa compiuta dal vittoriese Tenente degli Arditi Alessandro Tandura, che, privo di addestramento specifico, per la prima volta nella storia impiegò il paracadute come strumento operativo, effettuando un lancio oltre le linee nemiche nella notte fra l’8 e il 9 agosto 1918, iniziando una missione di spionaggio che contribuì alla vittoria italiana.

Il Raduno del Centenario – scrive l’Associazione – sarà una esperienza per l’intera comunità nazionale dei paracadutisti, che potranno esprimere a Vittorio Veneto spirito patrio e cameratismo, partecipando e godendo delle numerose e interessanti attività messe in programma“.

Il programma. 
Venerdì 28 Settembre
Pomeriggio: avviamento del “Villaggio del Paracadutista”
Sabato 29 Settembre
Tarda mattinata
– transito della Staffetta del Centenario
Pomeriggio
– deposizione di omaggio floreale alla targa commemorativa posta alla
casa di Tandura,
– arrivo della Staffetta del Centenario,
– conferenza commemorativa sulla impresa di Tandura,
– eventuale lancio di paracadutisti (in caso di condimeteo avverse la
domenica).
Sera
– conferenza commemorativa sull’impresa di Tandura,
– concerto della banda “Congedati della Folgore”,
– serata del Paracadutista (cameratismo e giovialità).
Domenica 30 Settembre
Dal mattino
– alzabandiera,
– ammassamento e creazione dei “blocchi di sfilata”,
– sfilata,
– schieramento di Labari, Stendardi e radunisti,
– saluti e discorsi commemorativi,
– lancio del bandierone ANPd’I (1000 metri quadri),
– onori ai caduti,
– rompete le righe,
– rancio,
– ammainabandiera (ore 18:00).

 

Articoli correlati

Bonomo, la top manager marosticense nel board di Tim

Redazione

“Strope”, una passeggiata lungo il Brenta con storie e musiche

Redazione

Al sacrario di Cima Grappa la storia diventa spettacolo con “L’Italia e la Grande Guerra”

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più