3.6 C
Bassano
3 Febbraio 2023
Cronaca Dal Nordest

Cimice asiatica: assessore Pan “Lasciateci diffondere la vespa samurai”

“Visto l’avvicinarsi della stagione ortofrutticola e il ripetersi della problematica collegata alla cimice asiatica, chiediamo che il Ministero dell’Ambiente approvi con massima urgenza il decreto che fissa le condizioni per il rilascio in natura di organismi alloctoni, tra cui la vespa samurai”.  L’assessore regionale all’agricoltura, Giuseppe Pan, ha preso carta e penna e, d’accordo anche con i colleghi all’agricoltura delle Regioni del Nord Italia, ha sollecitato il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, e il ministro per le  Politiche agricole, Teresa Bellanova, a dare il via all’introduzione dell’insetto antagonista alla cimice asiatica, che nel solo Veneto, ha causato danni alle colture agricole per 100 milioni di euro.


“Di fronte a danni così ingenti e alla distruzione di interi raccolti – sottolinea Pan – gli agricoltori si ritrovano a fare i conti la mancata proroga UE all’uso del clorpyrifos-methyl, al momento il più efficace principio attivo per la lotta alla cimice, nonchè all’assenza di autorizzazioni per introdurre antagonisti naturali al vorace insetto di origine asiatica”.


Per quanto riguarda l’operato della Regione Veneto – specifica Pan – “abbiamo stanziato 4,5 mln di euro per aiutare le imprese colpite e abbiamo predisposto un piano regionale di controllo della cimice, messo a punto grazie anche all’Università di Padova, che prevede di allevare e moltiplicare la vespa samurai “Trissolcus japonicus”, conformemente ai protocolli che verranno definiti dalle autorità competenti”.

Articoli correlati

Pregiudicato cerca di colpire i carabinieri con una bottiglia

Redazione

In moto contro un’auto intenta a svoltare, muore un 44enne

Redazione

Minaccia con una pistola un altro cliente dell’hotel

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più