18.6 C
Bassano
6 Agosto 2021
Attualità Attualità Bassano Bassano

“Di rara pianta”: al Giardino Parolini eccellenze e rarità vegetali

BASSANO. Oltre quaranta selezionati espositori di piante e fiori, con rarità ed eccellenze davvero introvabili, e un ricco programma di visite guidate, dimostrazioni, letture, ai quali si aggiungono eventi ed esposizioni collaterali in diversi angoli cittadini e la presentazione di un progetto inedito, il “Pino di Parolini”. È l’ottava edizione di “Di rara pianta”, in programma sabato 7 e domenica 8 aprile (orario 9-19, ingresso libero), promossa da Rotary Club Bassano Castelli con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, nell’antico giardino botanico Alberto Parolini di Bassano del Grappa, che per tutto il secolo XIX fu il più importante giardino botanico privato italiano, oggi rianimato da un lungo progetto di recupero e valorizzazione.

Una manifestazione di altissimo livello dedicata al giardinaggio, al collezionismo del verde e all’educazione alla natura, ormai l’appuntamento regionale del settore, grazie alla direzione del botanico Giuseppe Busnardo, e che vanta il patrocinio e la collaborazione dell’Orto Botanico di Padova (patrimonio mondiale Unesco).

Per due giorni questo luogo sarà, come un tempo, la vetrina delle piante più rare e più belle e occasione di incontro di appassionati e collezionisti.  Focus della manifestazione è l’importante rassegna di aziende vivaistiche e di collezionisti. Assieme ai leader nel settore di rose, garofani, bulbi, ortensie, rododendri, aromatiche, carnivore, peonie, frutti antichi, geranei , orchidee, lavande ecc, la nuova edizione presenta le eccellenze di rarità come Hoya, Protee, Buddleje, Abutilon, Echium,  e una ricca presenza di felci.  Inoltre, nella mattinata di domenica 8 aprile (10.00 – 12.00) è prevista una importante area scambi di piante e semi alla quale parteciperanno alcuni collezionisti di diverse città italiane, nonché gruppi di amatori e singoli appassionati.

Fra gli appuntamenti da non perdere, si segnalano sabato (ore 9.45) l’innovativa passeggiata botanico-biblica domenica (ore 16.00) la presentazione del progetto “Pino di Parolini – Una storia mai raccontata: tutto cominciò da una pigna”, che mira a ricreare nel Giardino bassanese il Pinetum che il botanico Alberto Parolini (Bassano del Grappa, 1788 – 1867) aveva concepito nell’800. Alcuni esemplari di questo Pino sono infatti ancora viventi al Giardino, testimonianza di un’attrazione unica al mondo, che nel XIX secolo richiamava visitatori internazionali. Grazie alla collaborazione dell’Istituto Agrario “Parolini” di Bassano e di SIS, si vuole riprodurre il Pino di Parolini e ricreare un boschetto nel Giardino dove siano compresenti i Pini di sua più prossima parentela: il Pino bruzio dalla Calabria, il Pino d’Aleppo dal Medio Oriente, il Pinus maritima della Dalmazia, il Pino di Pallas dei Balcani e il Pino dei Pirenei. Un prestigio progetto che non solo ricostruisce il passato ma che guarda al futuro puntando sull’inestimabile valore della biodiversità.

 

 

Articoli correlati

Motociclista muore scontrandosi con una ruspa

Redazione

Violenza e maltrattamenti: rimpatriato un marocchino

Redazione

“La biblioteca di Leonardo” a Bassano

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più