2.2 C
Bassano
6 Dicembre 2021
Cronaca Cronaca Vicenza Vicenza

Donate a Palazzo Chiericati le opere d’arte confiscate nell’indagine sulla concia

La Guardia di Finanza ha trasferito dalla sede del comando alla pinacoteca civica di Palazzo Chiericati 14 opere d’arte precedentemente confiscate.

Nel luglio del 2009 le Fiamme Gialle di Arzignano, nel corso di indagini di polizia giudiziaria nell’ambito delle frodi fiscali nel settore della concia, avevano trovato nella stanza d’albergo di un faccendiere 14 opere firmate, fra dipinti, sculture, accumulazioni, serigrafie e stampe, riconducibili ad artisti contemporanei di nota fama. Il valore superava i 200 mila euro.

Nel 2016 la Corte d’Appello di Venezia ha ritenuto fondate le accuse mosse nei confronti del faccendiere, confermando la condanna di primo grado a sei anni e sei mesi di reclusione per bancarotta ed evasione fiscale, attuata mediante false sponsorizzazioni della società sportiva che gestiva la pubblicità del calcio a 5. Non aveva versato 13 milioni di euro di tasse. In seguito, la Corte di Cassazione ha parzialmente accolto il ricorso presentato dal condannato in relazione all’avvenuta prescrizione di alcuni capi d’imputazione.

Oggi la sede di Palazzo Chiericati si arricchisce di un’idropittura di Gastone Biggi, pittore romano di fama internazionale, un olio su tela di Mark Kostabi, pittore e compositore statunitense, due accumulazioni, un’inclusione e una scultura del francese Armand Pierre Fernandez, meglio noto come Arman, tre sculture dell’artista Paola Epifani, conosciuta con lo pseudonimo Rabarama, due dipinti su tela di Marco Lodola, un’opera realizzata con tecnica mista su carta di Jacques Villegré, artista francese, una serigrafia su carta di Mimmo Rotella ed infine una stampa su concessione eseguita dall’artista Dan Breus.

Articoli correlati

Arrestato uno spacciatore, deve scontare cinque anni e mezzo di carcere

Redazione

Riconoscimenti per merito e anzianità fra i carabinieri della Compagnia di Bassano

Redazione

Precipita tra gli alberi con il parapendio

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più