2.9 C
Bassano
6 Dicembre 2021
Attualità Attualità Bassano Attualità Castelfranco Bassano Castelfranco

Il “tappone” dell’Adriatica Ionica Race parte dal Bassanese

Dalle Alpi al mare, la prima edizione dell’Adriatica Ionica Race per professionisti si prepara a stupire. La nuova corsa ciclistica di categoria 2.1 ideata da Moreno Argentin ha svelato il suo percorso lunedì 23 aprile a Venezia. Cinque tappe, da mercoledì 20 a domenica 24 giugno, attraverso Veneto e Friuli Venezia Giulia.

IL PERCORSO. L’Adriatica Ionica Race scatta mercoledì 20 giugno da Musile di Piave (Venezia). La prima tappa è una cronometro per team di 23,3 km con arrivo in Piazza Milano, a Lido di Jesolo (Venezia).

Da Lido di Jesolo, ma in piazza Brescia, scatta la seconda tappa, giovedì 21 giugno: 152,5 km di media montagna con arrivo a Maser (Treviso), promossi dall’IPA delle Terre di Asolo e Monte Grappa. Due Gran Premi della Montagna di terza categoria – Montello e Fusere-Tuna – fanno da preludio a un finale ondulato e adatto ai finisseur.

Le Terre di Asolo e Montegrappa ospitano anche la partenza della terza frazione, venerdì 22 giugno. Raduno a Mussolente e start ufficiale a Romano d’Ezzelino per la tappa più impegnativa della prima Adriatica Ionica Race, una cavalcata dolomitica di 158 km e oltre 4.000 metri di dislivello. L’arrivo è ai 2.233 metri di quota del Passo Giau, in provincia di Belluno, ma prima si scalano anche Passo Rolle (1.984 metri) e Passo Valles (2.032 metri). Il Giau, salita-totem del ciclismo, è celebre per la sua durezza: da Colle Santa Lucia sono 9,8 km con una pendenza media del 9,3% e punte al 15%. I primi chilometri saranno percorsi lungo la Valbrenta, con deviazione verso Fonzaso all’altezza di Primolano.

La corsa ritrova il mare Adriatico sabato 23 giugno nella quarta tappa, la più lunga (229 km), con partenza da San Vito di Cadore (Belluno) e traguardo nella località turistica di Grado (Gorizia). Il Passo Crosetta, gpm di seconda categoria tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, rappresenta l’unica difficoltà altimetrica.

Dal centro storico di Grado si parte per il gran finale di domenica 24 giugno, quinta tappa di 125 km con le salite di San Martino del Carso e Ternova Piccola prima del circuito finale di Trieste: 6,5 km mossi da ripetere sette volte. Anche in questo caso, i velocisti dovranno conquistarsi lo sprint. L’affascinante Piazza Unità d’Italia incoronerà infine il vincitore della prima Adriatica Ionica Race.

Riepilogo:

Tappa 1 – Mercoledì 20 giugno
Bim-Ciclabile del Piave – Lido di Jesolo, 23,3 km. Cronosquadre
Tappa 2 – Giovedì 21 giugno
Lido di Jesolo – Maser, 152,5 km. Difficoltà: ****
Tappa 3 – Venerdì 22 giugno
Mussolente – Passo Giau, 158,3 km. Difficoltà: *****
Tappa 4 – Sabato 23 giugno
San Vito di Cadore – Grado, 229,2 km. Difficoltà: **
Tappa 5 – Domenica 24 giugno
Grado – Trieste, 124,6 km. Difficoltà: ***

 

Articoli correlati

Anche a Cassola scatta la maratona di lettura

Redazione

Prende fuoco il soffitto, casa inagibile

Redazione

Blitz della polizia locale all’ex Enel: trovato un pregiudicato con decreto di espulsione

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più