25.5 C
Bassano
17 Agosto 2022
Cronaca Cronaca Vicenza Vicenza

In un capannone bare e resti umani provenienti anche da cimiteri vicentini

La Procura di Trento ha aperto un fascicolo per vilipendio di cadavere in seguito alla scoperta di resti umani e di una trentina di bare in un capannone di Scurelle, in Valsugana. Parte dei resti proviene da cimiteri della provincia di Vicenza.

Il ritrovamento è avvenuto in seguito alla segnalazione di alcuni operai che stavano lavorando in un cantiere vicino al capannone, ora sotto sequestro.

Due per ora le ipotesi: la prima è che le bare siano state rubate e poi ammassate nel capannone per ricavarne lo zinco e l’ottone, metalli che vengono utilizzati nella costruzione delle casse, per poi rivenderli sul mercato nero. La seconda ipotesi al vaglio degli inquirenti è quella della finta cremazione, dunque le bare potrebbero essere state abbandonate da imprese addette alla cremazione anziché portate in un impianto crematorio, per poi incassare comunque il costo del servizio.

Articoli correlati

Trentenne si suicida lanciandosi dal ponte

Redazione

Fermato perchè guidava col cellulare: i carabinieri gli trovano una pistola in auto

Redazione

Evasione fiscale: sequestrati beni per mezzo milione a un autotrasportatore

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più