29.7 C
Bassano
26 Maggio 2022
Bassano Cronaca Cronaca Bassano

La storia del ponte ripercorsa in una mostra

BASSANO. Anche la biblioteca civica rende omaggio al Ponte egli Alpini. Una mostra, parallela a quella ospitata nelle sale del Museo, ripercorre le vicende storiche del manufatto, puntando l’attenzione su alcune vicende storiche e curiosità che hanno per oggetto proprio il ponte.

La sua funzione non solo militare, ma soprattutto economica e sociale era determinante. E le vicende “narrate” con questa mostra lo stanno a dimostrare. I bassanesi riscuotevano il pedaggio del transito delle merci e delle bestie: una ricevuta ottocentesca della tassa del pontatico, esposta in mostra, testimonia come fosse ancora in vigore questa gabella che risaliva già al periodo medievale, quando il ponte, protetto da due torri poste sulle due rive del fiume, di fianco alle sue imboccature, era sorvegliato da due custodi per lato, che avevano il compito di far rispettare le norme di transito.

I bellissimi schizzi di mano di Francesco Chiuppani contenuti nei manoscritti dell’Historia Bassanese e delle Iscrizioni Bassanesi risalenti alla prima metà del Settecento, ritraggono la città e il suo ponte con minuzia di particolari. Uno spazio viene dedicato alla tragica piena (brentana) del 19 agosto 1748 quanto, come scrive Gasparo Gozzi in un sonetto esposto, il ponte è “portato via come una cesta” dal fiume.

Molte saranno le “brentane” che danneggeranno la struttura, non ultima quella terribile del 4 novembre 1966 di cui sono esposte delle foto.

Uno spazio è riservato agli eventi bellici: l’incendio del ponte nel 1813 da parte delle armate napoleoniche al comando del viceré Eugenio Beauharnais e la riapertura nel 1821 su progetto di Angelo Casarotti nella versione palladiana (è esposta una raccolta di sonetti celebrativi scritti da autori locali per l’avvenimento); i danneggiamenti del 1915 durante la Grande Guerra e il bombardamento del 1945, in due fasi distinte, per opera dei Partigiani (17 febbraio) e delle truppe naziste (29 aprile). Infine la ricostruzione e la solenne inaugurazione del 1948 alla presenza del Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi. Da allora sarà per tutti il “Ponte degli Alpini”.

Le foto del periodo delle due guerre, tratte dall’archivio storico, e numerose cartoline documentano i danni e il clima di tragedia in cui era sprofondata la Città.

Tra le curiosità esposte in mostra, viene dato conto del passaggio di San Francesco sul ponte medievale diretto alla chiesetta di San Donato, e uno spazio doveroso è riservato alla celeberrima canzone del Ponte “Sul ponte di Bassano”, che è diventata una sorta di inno della Città e del suo simbolo.

La mostra, visitabile negli orari di apertura della biblioteca, rimarrà aperta dal 29 maggio fino al 4 settembre 2021.

Articoli correlati

Tenta il suicidio gettandosi sotto il treno

Redazione

Vuole lanciarsi nel vuoto, i carabinieri lo portano in salvo

Redazione

“Elogio della follia” al Ridotto del Politeama

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più