4.8 C
Bassano
7 Dicembre 2021
Cronaca Cronaca Vicenza Vicenza

Ragni pericolosi abbandonati in un bed and breakfast

Ieri sera il titolare di un bed and breakfast vicentino ha trovato in una camera una scatola di cartone contenente ragni di grosse dimensioni, appartenenti a 17 specie diverse. I carabinieri hanno provveduto a mettere in sicurezza l’ambiente e gli animali stessi.

I ragni erano stati abbandonati nella camera da un ospite che si era fermato per un periodo prolungato e, da circa una decina di giorni, non era rientrato nella struttura, oltretutto senza pagare il conto. Gli animali sono stati immediatamente alimentati. Due esemplari erano già morti. Sui contenitori erano presenti delle etichette che parrebbero indicare la provenienza dall’Est europeo.

Gli aracnidi in genere sono considerati “animali pericolosi” e, pertanto, non sono detenibili in cattività senza autorizzazione. Vi sono molti appassionati di questo genere che spesso, pur essendo esperti, sottovalutano la pericolosità e l’impatto emotivo nei confronti delle persone. A maggior ragione i ragni non possono essere trasportati o detenuti in strutture ricettive dove le possibilità di fuga accidentale sono elevate e dove è possibile che vengano rinvenuti dal personale di servizio, ovviamente non preparato alla situazione.

Il proprietario dei ragni è stato denunciato per abbandono di animal. Rischia l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Sono in corso accertamenti per comprenderne la provenienza ed effettuare quindi le verifiche sulle possibili vendite illegali.

 

Articoli correlati

Ha nascosto al fisco oltre mezzo milione di ricavi: sequestrati 225 mila euro

Redazione

Torna “Caminare de note in Brenta”, la passeggiata notturna fra le bellezze della natura

Redazione

Incidente sul lavoro: ragazzo di 22 anni perde la vita

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più