7.1 C
Bassano
30 Novembre 2020
Cronaca Cronaca Vicenza Vicenza

Scaricavano il “pozzo nero” nei tombini: otto indagati in provincia

La Guardia di Finanza ha posto sotto sequestro sei autobotti utilizzate per gli spurghi delle fosse biologiche. Perquisite cinque aziende operanti in provincia nel settore della raccolta e smaltimento delle acque di scarico, i cui titolari sono indagati per di reato ambientale.

In oltre 100 episodi avvenuti nei Comuni di Arcugnano, Castegnero, Caldogno, Creazzo, Torri di Quartesolo e Vicenza gli operatori alla guida di autobotti utilizzate per lo spurgo dei pozzi neri, invece di smaltire correttamente il rifiuto liquido presso i previsti impianti di depurazione, hanno illecitamente sversato i liquami trasportati, costituiti da reflui urbani di provenienza domestica appena prelevati, nei tombini della rete fognaria pubblica. 

M.M., cinquantaduenne, M.M., venticinquenne, C.W., cinquantunenne, E.G., cinquantanovenne, S.A., quarantaduenne, F.L., cinquantunenne, B.D., quarantatreenne e B.V., trentaseienne, tutti residenti in provincia e titolari/soci delle citate cinque imprese vicentine sono stati denunciati alla Procura della Repubblica. Al fine di ridurre illegalmente i costi aziendali, una delle imprese investigate si approvvigionava di acqua pubblica sottraendola da idranti antincendio siti nel territorio provinciale, così concretizzando la fattispecie di reato di furto aggravato d’acqua.

Il Tribunale ha emesso un Decreto di sequestro preventivo delle sei autobotti utilizzate per commettere gli illeciti, di valore complessivo di circa 400.000 euro. 

Articoli correlati

Salita inedita alla Piccola Sanremo: nell’altimetria compare un “muro”

Redazione

Arrestato un rumeno destinatario di un mandato di cattura internazionale

Redazione

Trovano il cadavere mummificato del loro vicino di casa

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più