6.9 C
Bassano
28 Novembre 2021
Bassano Cronaca Cronaca Bassano In Evidenza

Uccise la fidanzata e la suocera: il tribunale gli concede sconto di pena e risarcimento

BASSANO. La cella era troppo piccola e così un nomade bassanese, recluso nel penitenziario di Prato, ha avuto uno sconto di pena di 57 giorni. Il tribunale di Sorveglianza di Firenze ha attuato questa concessione tenendo conto che il detenuto, sia a Vicenza che a Rovigo, era stato collocato in una cella che non rispettava gli standard dell’Unione Europea. I giudici gli hanno anche riconosciuto un risarcimento pari a 24 euro. Il nomade, Thomas Moretti di 40 anni, originario di Bassano, era stato condannato nel 2000 per l’uccisione nel 2000 della fidanzata e della suocera ad Albettone e per il rapimento di una neonata di due mesi.

Al 40enne era stata comminata una pena di 28 anni di reclusione, considerando anche i reati di rapina, furto e resistenza a pubblico ufficiale. La decisione del tribunale di Sorveglianza di Firenze ha sollevato non poche polemiche, dividendo l’opinione pubblica fra chi trova paradossale l’indulgenza concessa (soprattutto in riferimento al risarcimento di 24 euro) e chi difende l’applicazione ed il rispetto della normativa, in tutti i suoi aspetti.

Articoli correlati

Tre giorni di chiusura per il parrucchiere “allergico” agli scontrini fiscali

Redazione

I pompieri di Bassano salvano un cavallo bloccato nel fiume

Redazione

Sexy-ricatto gay: il giovane amante accusato di estorsione

Redazione

Lascia un commento

* Usando questa form acconsenti al salvataggio e l'utilizzo dei tuoi dati in questo sito.

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Accetta Leggi di più